Siria: Siciliani liberi, no a uso basi militari in Sicilia

Palermo, 14 apr. (AdnKronos) – “La Sicilia viene usata per scopi militari del tutto estranei alle finalità difensive della Nato e viene trascinata in guerre che non ci appartengono. Come atto urgente il presidente della Regione Nello Musumeci, nel rango di ministro della Repubblica, dovrebbe quanto meno chiedere la convocazione d’urgenza del Consiglio dei ministri per vietare, semplicemente, l’uso delle basi militari ubicate in Sicilia in un’escalation che potrebbe davvero condurre ad un confronto nucleare senza ritorno”. Lo afferma il segretario dei ‘Siciliani Liberi’ Ciro Lomonte.

Gli indipendentisti siciliani si dissociano da quella che definiscono “una guerra d’attacco contro un Paese sovrano” e non ritengono “credibili i pretesti indimostrati di uso di armi chimiche da parte del governo siriano”. “E’ ora – conclude Lomonte – di riconsiderare la concessione di basi e strutture, come Sigonella o il Muos, fuori dalla Nato, direttamente agli Usa, poi trasformate in strumento di guerra, vera minaccia per la vita e la sicurezza di milioni di siciliani”.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.