Sicilia: partigiani dem presentano ‘Manifesto per il Pd’

Palermo, 14 apr. (AdnKronos) – “Il Partito democratico deve tornare ad essere una comunità che faccia emozionare, che sia popolare e chiaramente collocata nel centrosinistra e nel socialismo europeo. In questi anni siamo apparsi un soggetto indistinto che, nella logica di apertura all’elettorato moderato, ha imbarcato di tutto, procedendo semplicemente ad una somma di ceto politico e non di consensi né, tantomeno, di idee. Occorre cambiare radicalmente questo concetto che in Sicilia è stato bocciato dagli elettori in maniera clamorosa. Errare è umano ma perseverare è diabolico”. Così Antonio Rubino, leader dei partigiani dem, durante il suo intervento all’assemblea al circolo Pd della V circoscrizione in cui è stato presentato il ‘Manifesto per il Pd – idee per un nuovo inizio’.

Un manifesto che vuole essere un “contributo per la riscrittura della mission” del partito, in grado di “riaffermarlo come l’unico soggetto in grado di contendere il consenso ai populisti senza rinchiudersi nell’Italia moderata”. Il Pd deve essere un partito “di opposizione, senza tentennamenti, ma per restituire una speranza di cambiamento, non per difendere lo status quo – afferma Rubino – Opposizione senza dubbi ma non per offrire un salvagente a un ceto politico indistinto che è stato bocciato dagli elettori. Opposizione, certo, ma non per diventare un partito moderato e di establishment”.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.