Saipem: in 1° trimestre ricavi calano a 1,9 mld, perdita 2 mln

Roma, 24 apr. (AdnKronos) – Saipem chiude il primo trimestre del 2018 con ricavi in calo a 1,915 miliardi rispetto ai 2,263 miliardi dello stesso periodo del 2017, un ebitda adjusted di 214 milioni di euro che si confronta con i 256 dell’anno precedente e un ebita pari a 201 milioni, in flessione rispetto ai 246 del primo trimestre 2017. Il risultato operativo (ebit) adjusted è pari a 100 milioni di euro (122 milioni di euro nel primo trimestre del 2017), l’ebit scende a 87 milioni di euro rispetto a 112 milioni di euro nel primo trimestre del 2017.

Il risultato netto adjusted è pari a 11 milioni di euro (54 milioni di euro nel primo trimestre del 2017) mentre il risultato netto perdita di 2 milioni di euro, al netto di oneri per riorganizzazione per 13 milioni di euro (47 milioni di euro nel primo trimestre del 2017, al netto di oneri per riorganizzazione per 7 milioni di euro). E’ quanto emerge dal resoconto intermedio di gestione del gruppo approvato ieri dal cda.

Gli investimenti tecnici sono pari 32 milioni di euro (83 milioni di euro nel primo trimestre del 2017). Il debito netto al 31 marzo 2018 si attesta 1.200 milioni di euro (1.296 milioni di euro al 31 dicembre 2017). Crescono i nuovi ordini acquisiti pari 1.023 milioni di euro (509 milioni di euro nel primo trimestre del 2017). Il portafoglio ordini residuo è pari a 11.500 milioni di euro (12.3921 milioni di euro al 31 dicembre 2017).

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.