Province: assessore Veneto, studio Cgia su trasferimenti certifica tradimenti governi

Venezia, 16 mag. (AdnKronos) – “Sono emerse in questi giorni le risultanze di uno studio della Cgia di Mestre che certificano in maniera inequivocabile quanto sostengo fin da tempi non sospetti, ovvero il tradimento perpetrato nei confronti delle Province da parte dei governi romani degli ultimi anni”. A dirlo è l’assessore regionale con delega alla Specificità di  Belluno, Gianpaolo Bottacin che sottolinea altresì come “l’unica ancora di salvezza, per quanto riguarda in particolare Belluno, sia stata la Regione del Veneto”.

“Le Province ordinarie, tutte, sono state infatti usate in maniera ignobile dallo Stato per risanare i propri bilanci – prosegue l’assessore –, non solo attraverso il taglio ai trasferimenti al territorio ma addirittura chiedendo che le Province stesse versassero una quota delle risorse introitate direttamente. Una situazione negativa che denuncio fin dal 2011, epoca in cui ero presidente della Provincia di Belluno e venivo attaccato per una mia presunta incapacità di chiudere il bilancio”.

“Incapacità, che se fosse stata vera, sarebbe stata poi da condividere anche con il commissario che mi succedette nel ruolo e successivamente pure con i presidenti di secondo grado che si sono alternati alla guida di Palazzi Piloni, i quali, a riprova che il problema non era il sottoscritto, hanno avuto problemi di bilancio ben più gravi dei miei, in quanto i tagli statali sono progressivamente aumentati governo dopo governo e l’unico polmone vitale per Palazzo Piloni è stato quello fornito dalla Regione”, sottolinea.

Consigliati