Pd: Minniti in campo, renziani ‘può battere Zingaretti’/Adnkronos (2)

(AdnKronos) – Anche Matteo Orfini -che dovrebbe presentare una sua candidata tra Katiuscia Marini e Chiara Gribaudo- in uno scontro tra Minniti e Zingaretti, non si schiererebbe con l’ex-titolare del Viminale. La distanza maturata tra i due viene data come non recuperabile. Tuttavia, secondo i renziani, la candidatura dell’ex-ministro può rimescolare le carte. “Gli stessi Gentiloni e Franceschini sono in grande difficoltà. Un conto sarebbe stato un candidato di bandiera, un conto ci sia Minniti in campo…”.

E comunque, se Gentiloni e altri big sono con Zingaretti, con l’ex-ministro sono schierati dirigenti che hanno tenuto il partito in questi anni: Luca Lotti, Lorenzo Guerini, Ettore Rosato. E c’è la convinzione, al di là dei posizionamenti interni, che Minniti possa avere un forte appeal nell’opinione pubblica. “Sarà un congresso vero, non c’è un esito scontato”, è l’opinione diffusa tra i renziani.

Intanto domani Zingaretti farà il primo grande evento da candidato, la due giorni a Roma di ‘Piazza Grande’, mettendo in campo l’ampia rete di relazioni costruita passo passo in questi mesi. Se la candidatura di Minniti è stata lanciata con un appello di 13 sindaci, Zingaretti ‘risponde’ così: “Le adesioni” a ‘Piazza Grande’, “ad oggi, sono oltre 3000 di cui 600 amministratori locali. Il primo appuntamento della nostra due giorni partirà con ‘Piazza Municipio: gli amministratori per l’Italia nuova’, in cui sono previsti interventi di sindaci, assessori e rappresentanti di realtà territoriali di tutta Italia” che sono “uno degli assi portanti della proposta politica di ‘Piazza Grande’”.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.