Open Fiber: porta fibra ottica a Cesena (2)

(AdnKronos) – “Siamo molto soddisfatti dell’accordo raggiunto con Open Fiber – ha sottolineato il primo cittadino Paolo Lucchi – è un progetto che, assieme all’installazione della rete MAN (Metropolitan Area Network) già avviata, renderà Cesena una smart city a tutti gli effetti e aprirà la strada a una serie di servizi innovativi, primo fra tutti la videosorveglianza. Il piano potrebbe causare qualche disagio alla popolazione, che Open Fiber comunque si è impegnata a minimizzare, ma è uno sforzo importante per costruire un’infrastruttura di cui andremo tutti orgogliosi”.

La rete in FTTH è un asset strategico per lo sviluppo della città, ha spiegato il Regional Manager di OF Stefano Esposto, “perché rende più competitive le imprese e contribuisce alla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. È una grande opportunità anche per i cittadini perché il nostro intervento è gratuito e accresce il valore degli immobili. Quando cominceranno i lavori, Open Fiber si doterà di una struttura di sorveglianza e controllo sul territorio per garantire la qualità dei lavori e la sicurezza sui cantieri”.

Una volta conclusi i lavori, ha aggiunto, “ogni singolo cliente potrà contattare un operatore a scelta tra i nostri partner e attivare il servizio: il modello di Open Fiber è infatti wholesale only, cioè non vende servizi in fibra ottica direttamente al cliente finale, ma è attivo esclusivamente nel mercato all’ingrosso, offrendo l’accesso a tutti gli operatori di mercato interessati”.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.