Notizie Flash: 2/a edizione – L’economia (5)

(AdnKronos) – Firenze. “Il numerino 2,4 ha un valore che non è un valore economico, è il valore politico che segna il cambiamento di metodo e rappresenta un atto di disobbedienza rispetto a regole sostanzialmente assurde”. Lo ha detto il senatore della Lega e presidente della Commissione Finanze del Senato, Alberto Bagnai, questa mattina a Firenze a un convegno della Lega in Consiglio regionale parlando della manovra economica del governo. Sottolineando che il Def “è un documento programmatico e una previsione a tre anni è un atto di fede”, Bagnai ha aggiunto che “il Governo italiano per la prima volta ha detto che preferirebbe fare una manovra espansiva perché è nell’interesse dei nostri cittadini”. Secondo il senatore leghista, “se nel 2010 avessimo fatto un po’ più di deficit staremmo meglio, ci saremmo dimenticati la recessione e questo paradossalmente avrebbe avvantaggiato il Pd” e “il dibattito di chi si straccia le vesti per il deficit è quello di chi lo ha creato”.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.