Musica: Filarmonica della Scala, nuova stagione all’insegna del Novecento

Milano, 14 giu. (AdnKronos) – Si inaugura lunedì 12 novembre la stagione di concerti 2018-2019 della Filarmonica del Teatro alla Scala con un percorso legato al Novecento. Ad aprire la stagione sarà Riccardo Chailly, direttore principale della Filarmonica, e Maxim Vengerov al violino. Chailly tornerà per un secondo concerto il 29 aprile accompagnato dal violinista Emmanuel Tjeknavorian. Nel cartellone trovano spazio compositori che hanno rivoluzionato la musica del Novecento: Janáček, Britten, Dvořák, Ives, Šostakovič, Bartók e Sibelius. “Continua il percorso legato al Novecento”, ha spiegato Chailly presentando la stagione.

“Un’orchestra indipendente interamente sostenuta da privati. Un modello di successo che vogliamo continui a crescere”, ha detto il presidente della Filarmonica della Scala, Jean Pierre Mustier. Ma sono previsti anche i capolavori di Brahms, Bruckner, Bruch, Debussy, Musorgskij-Ravel, Wagner, Mahler, Mozart e Beethoven e rarità come il concerto per violoncello di Édouard Lalo.

L’orchestra ospite della Stagione è quella del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, diretta da Valery Gergiev, socio onorario della Filarmonica. Sul podio si alterneranno Edward Gardner, Fabio Luisi, per la prima volta Mirga Gražinytė-Tyla, Myung-Whun Chung, Michele Mariotti, al suo debutto in Stagione, e ancora Daniele Gatti e Daniel Harding.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.