Montenegro: Mattarella, Italia sostiene processo integrazione Ue

Roma, 16 apr. (AdnKronos) – “In occasione della sua elezione alla Presidenza del Montenegro desidero porgerle, a nome dell’Italia e mio personale, vive felicitazioni e fervidi auguri di successo nello svolgimento del suo alto mandato”. Si legge nel messaggio inviato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al presidente eletto del Montenegro, Milo Đukanović.

“L’Italia continuerà a sostenere il Montenegro nel suo percorso di integrazione europea, come già avvenuto in occasione dell’adesione all’Alleanza Atlantica, e ad appoggiare la costruttiva azione di Podgorica a favore di una proficua cooperazione a livello regionale. Sono certo che nel corso della sua Presidenza tale cammino proseguirà con determinazione, consentendo quei concreti progressi necessari al Montenegro per divenire parte, in un prossimo futuro, della comune casa europea”.

“In tale quadro, e in considerazione dei legami politici, economici e culturali che storicamente uniscono i nostri Paesi, potremo operare per consolidare un partenariato che consenta di far maturare pienamente tutte le potenzialità degli eccellenti rapporti bilaterali. In attesa di poterla incontrare a Roma in occasione di una sua visita -conclude il presidente Mattarella- formulo i più sinceri auguri di benessere per la sua persona e di prosperità per l’amico popolo montenegrino”.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.