Milano: portato in caserma un pregiudicato per aggressione in casa, movente passionale

Milano, 14 apr. (AdnKronos) – E’ molto probabilmente un uomo di 63 anni, pregiudicato, ad aver sparato questa mattina ai due rumeni nella loro abitazione. I carabinieri lo hanno accompagnato in caserma e, anche se il fermo non è stato ancora formalizzato, tutti gli indizi e gli elementi raccolti ascoltando i vicini di casa e una delle vittime porterebbero a lui. All’origine del gesto ci sarebbe una vendetta per motivi sentimentali: uno dei due rumeni – quello meno grave, ferito di striscio alla testa – avrebbe al momento una relazione con la ex dell’aggressore.

In casa dei due, che hanno entrambi 28 anni e vivono con le loro famiglie nello stesso stabile, il 63enne si sarebbe presentato questa mattina con altre due persone, di cui una donna: entrato in camera, dopo una breve discussione, avrebbe iniziato a sparare per poi andarsene. I carabinieri lo hanno fermato al pronto soccorso, dove si è presentato qualche ora dopo per una frattura al dito.

Il ferito più grave, colpito al torace, si trova ancora in pericolo di vita al Niguarda. E’ incensurato, a differenza dell’altro – il vero obiettivo dell’aggressione – che ha invece qualche precedente per reati contro il patrimonio.

Consigliati