Mafia: pm trattativa, da difese parole offensive e diffamatorie

Palermo, 16 apr. (AdnKronos) – Non ci saranno le repliche dell’accusa nel processo sulla trattativa tra Stato e mafia nell’ultima udienza. Lo ha annunciato in aula, a inizio udienza, il pm Vittorio Teresi, presente con il pm Roberto Tartaglia, che però tiene a sottolineare: “L’ipotesi di accusa è stata ampiamente provata – dice – e non appare scalfita da argomentazioni difensive. Dobbiamo solo registrare alcune dichiarazioni polemiche che hanno travalicato il livello della dialettica processuale che non dovrebbe mai trascendere in attacchi diffamatori e personali”. E aggiunge: “Questo tipo di dialettica non ci appartiene, la respingiamo e la rimandiamo al mittente”. L’avvocato Giuseppe Di Peri, legale di Marcello Dell’Utri, ha subito interrotto il pm dicendo: “Queste sono repliche, signori giudici, e il pm ha appena annunciato che non farà repliche”. Ma il Presidente della Corte d’assise Alfredo Montalto ha fatto continuare Teresi nel suo intervento.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.