Mafia: pm trattativa, da difese parole offensive e diffamatorie

Palermo, 16 apr. (AdnKronos) – Non ci saranno le repliche dell’accusa nel processo sulla trattativa tra Stato e mafia nell’ultima udienza. Lo ha annunciato in aula, a inizio udienza, il pm Vittorio Teresi, presente con il pm Roberto Tartaglia, che però tiene a sottolineare: “L’ipotesi di accusa è stata ampiamente provata – dice – e non appare scalfita da argomentazioni difensive. Dobbiamo solo registrare alcune dichiarazioni polemiche che hanno travalicato il livello della dialettica processuale che non dovrebbe mai trascendere in attacchi diffamatori e personali”. E aggiunge: “Questo tipo di dialettica non ci appartiene, la respingiamo e la rimandiamo al mittente”. L’avvocato Giuseppe Di Peri, legale di Marcello Dell’Utri, ha subito interrotto il pm dicendo: “Queste sono repliche, signori giudici, e il pm ha appena annunciato che non farà repliche”. Ma il Presidente della Corte d’assise Alfredo Montalto ha fatto continuare Teresi nel suo intervento.

Consigliati