Lombardia: Palmeri (Epi), occorre nuovo codice delle autonomie

Milano, 15 mag. (AdnKronos) – “Questa deve essere la legislatura dell’autonomia, una legislatura costituente che può segnare il passo nell’intera Italia per un nuovo regionalismo, a beneficio anche di tutto il Paese. L’unanimità sull’ordine del giorno è un mandato forte e pieno che viene dato alla Regione per proseguire il lavoro iniziato col governo uscente: è necessario andare avanti non solo sulle 5 materie su cui si è trattato, ma su tutte le 23 possibili. E in ciascuna di queste bisogna avere le idee chiare su come dar valore all’autonomia ripensando in pieno le attività a matrice regionale e non certo replicando quelle a matrice statale. Sul tema dell’autonomia (e specularmente del centralismo) il referendum lombardo di ottobre 2017 esprimeva alcuni valori e ha avuto uno straordinario successo, quello costituzionale del dicembre 2016 ne esprimeva di opposti, e di straordinario ha avuto solo il fallimento”.

Lo ha detto Manfredi Palmeri, consigliere regionale liberale e capogruppo di Energie per l’Italia in Regione Lombardia, intervenendo in Aula nel dibattito generale dopo le dichiarazioni del presidente Fontana, aggiungendo: “Autonomia non è solo quella a monte per la Regione, ma anche quella che guarda all’intero sistema delle autonomie, a partire dagli enti locali, il cui status va innovato: occorre un nuovo Codice delle Autonomie che superi l’attuale assetto ordinamentale (mai riformato e più volte toccato in sede impropria quale le leggi di bilancio) e che risolva i gravi problemi causati alle Province e alle Città Metropolitane dalle sbagliate Riforme fatte dai Governi di Sinistra”.

Questa “è un’esigenza nazionale ma vale principalmente per la Lombardia, che ha la Città Metropolitana più importante d’Italia e il numero maggiore sia di Province sia di Comuni di tutto il Paese”.

Consigliati