Lavoro: Unive, boom di lavoratori ‘spediti’ all’estero dalle imprese (4)

(AdnKronos) – I dati sui distacchi mostrano inoltre che i paesi che inviano il maggior numero di lavoratori in distacco verso l’estero sono i nuovi Stati membri dell’Europa dell’est e, soprattutto in questi ultimi anni, i paesi dell’Europa del sud. Al contrario, i paesi che occupano il maggior numero di lavoratori distaccati sono concentrati soprattutto nell’Europa centro-settentrionale.

Secondo i dati del 2016, la Polonia ha effettuato circa 260.000 distacchi, seguita dalla Germania (218.000 distacchi), dalla Slovenia (150.000 distacchi), dalla Francia (132.000 distacchi), dall’Italia (106.000 distacchi), dalla Spagna (100.000 distacchi).

Tra i principali paesi di destinazione troviamo la Germania (440.000 distacchi), la Francia (203.000 distacchi), il Belgio (178.000 distacchi), l’Austria (120.000 distacchi) e la Svizzera (104.000 distacchi).

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.