Lavoro: da Regione Veneto ulteriori 7 mln per tirocini e formazione over 30 (3)

(AdnKronos) – Con il rifinanziamento per il biennio in corso la Regione riapre ora i bandi per nuovi progetti. I progetti dovranno essere articolati in tre fasi – orientamento, formazione e tirocinio in azienda (da 2 a 6 mesi) – e dovranno coinvolgere almeno un datore di lavoro privato (impresa o studio professionale), nonché una associazione di categoria o agenzia per il lavoro o Camera di commercio o università. I tirocinanti riceveranno una indennità oraria (compatibile con il reddito di inclusione, ma non quello di cittadinanza) e saranno loro garantite le coperture assicurative.

“L’obiettivo è favorire l’inserimento lavorativo, ma soprattutto rafforzare le competenze dei partecipanti e valorizzare i mestieri tradizionali – conclude l’assessore – L’esperienza veneta dei tirocini e dei percorsi di work experience per disoccupati rappresenta un modello ben diverso dall’erogazione di un mero assegno di disoccupazione: grazie alla collaborazione con le imprese e i territori e al sistema veneto della formazione professionale, abbiamo creato un percorso che prende per mano e accompagna le persone inoccupate, portandole a maturare una motivazione, ad acquisire nuove abilità e competenze e a specializzarsi sul fronte tecnico scientifico, in modo da essere spendibili nel mercato del lavoro. I risultati ottenuti sinora confermano la validità della formula dell’inserimento ‘attivo’ in azienda: così si rispetta e si valorizza la dignità delle persone e si mette in moto un circuito economico positivo anche per le aziende”.

Consigliati