Gse: Anev, bene nomine, settore non poteva attendere oltre

Roma, 12 ott. (AdnKronos) – L’Anev “plaude alla nomina dei nuovi vertici del Gse che finalmente sono stati eletti dall’Assemblea. Un Consiglio di alto livello, composto dal Francesco Vetrò – Presidente, Roberto Moneta – Amministratore Delegato e Laura Bajardelli. Molto sarà il lavoro che attenderà i nuovi vertici del Gse, soprattutto considerando che il triennio che li aspetta è quello decisivo perché dovrà vedere da un lato la decarbonizzazione del sistema, dall’altro la transizione del sistema elettrico da minoritariamente a maggioritariamente rinnovabile con tute le conseguenze che questo comporterà”. Così l’Anev in una nota.

Il Presidente dell’Anev Simone Togni, la Giunta, il Consiglio e l’Associazione tutta inviano i migliori auguri di buon lavoro ai neoeletti vertici del Gse, e ribadiscono “la completa disponibilità a proseguire nella fattiva collaborazione che da sempre ha contraddistinto i rapporti tra gli operatori e il Gse con l’obiettivo comune di supportare la crescita ordinata e sostenibile delle rinnovabili nel Paese”.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.