Grande Guerra: processo a Cadorna martedì 17 a Museo Risorgimento Vicenza

Vicenza, 15 apr. (AdnKronos) – Processo a Cadorna, martedì 17 aprile al Museo del Risorgimento e della Resistenza. Nel centenario della battaglia di Caporetto, l’Istrevi (Istituto storico della resistenza e dell’età contemporanea “Ettore Gallo”), in collaborazione con il Comune di Vicenza, l’Associazione giuristi democratici e l’Anpi di Vicenza, ha proposto alle scuole per l’anno scolastico 2017-2018 un’attività di ricerca e di approfondimento sul primo conflitto mondiale, da svolgersi in alternanza scuola-lavoro, denominata “Processo a Cadorna”.

Al progetto hanno aderito 45 studenti delle classi quinte BT e CT del Liceo Lioy. Attraverso un lavoro di ricerca su documenti dell’epoca, memorialistica, testi storici, atti della commissione d’inchiesta su Caporetto svoltosi al Museo del Risorgimento e della Resistenza, gli allievi hanno approfondito la figura del Cadorna per giungere, sotto la guida dei tutor Istrevi, professori Paolo Pozzato e Marina Cenzon, e gli avvocati Gianni Cristofari e Michele Stratta dei Giuristi Democratici, alla formulazione dell’atto d’accusa contro il generale.

Il “processo al generale Cadorna” si terrà martedì 17 aprile alle 9.30 al Museo del Risorgimento e della Resistenza dove sono conservate molte testimonianze del primo conflitto mondiale. Gli studenti delle due classi svolgeranno il ruolo di accusatori, mentre la difesa sarà affidata a Pozzato, storico della Prima guerra mondiale.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.