Governo: da Merzagora ai saggi di Napolitano, in campo gli ‘esploratori’ /Adnkronos (6)

(AdnKronos) – E sono proprio di quegli anni altri due incarichi esplorativi, durati appena un giorno, affidati dal Capo dello Stato, Giuseppe Saragat, prima al presidente della Camera, Sandro Pertini, il 24 novembre 1968, e poi a quello del Senato, Fanfani, il 2 agosto dell’anno dopo.

Nella legislatura successiva, il 10 ottobre del 1974, dopo la crisi del quinto governo Rumor, il Presidente della Repubblica, Leone, affida l’incarico esplorativo al presidente del Senato, Giovanni Spagnolli, che tre giorni dopo gli consegna una relazione scritta sui colloqui avuti. Dovette comunque passare ancora più di un mese prima che vedesse la luce il quarto esecutivo presieduto da Aldo Moro.

Sempre durante una delle crisi più lunghe e difficili, all’epoca del pentapartito, prima che si riuscisse a dar vita al sesto gabinetto presieduto da Giulio Andreotti, fu il presidente del Senato, Giovanni Spadolini, che dal 26 maggio all’11 giugno 1989 fu chiamato per un mandato esplorativo, che portò a termine dopo due giri di consultazioni, anche se dovette passare più di un mese per veder risolta una crisi durata alla fine 64 giorni.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.