Governo: Cassese, comitato conciliazione? organo sproporzionato

Roma, 16 mag. (AdnKronos) – Il comitato di conciliazione contenuto nella bozza di contratto tra M5S e Lega “sembra una sorta di super governo, è come se non fosse il governo che stabilisce la politica generale del Paese. Noi abbiamo una Costituzione che dice che è il governo che stabilisce la politica generale del Paese e che è il presidente del consiglio dei ministri, cioè il presidente che dirige l’attività del governo, che mantiene l’unità dell’indirizzo politico. Certamente in questo caso vi sarebbe un organo sproporzionato al nostro modello costituzionale”. Lo ha detto a Radio Radicale il professor Sabino Cassese, giudice emerito della Corte Costituzionale.

“Stiamo parlando di un testo dichiarato superato e quindi parliamo in generale dell’orientamento che da questo emerge – ha detto Cassese – L’idea di un comitato di conciliazione è un’idea che ha molti precedenti, c’è nel sistema americano quando i due rami del Parlamento non si mettono d’accordo un comitato per assicurare una conciliazione quindi un accordo tra i testi approvati tra un ramo e l’altro del Parlamento. E’ inusuale che sia alle spalle di un governo come in questo caso”, osserva il costituzionalista.

Consigliati