Governo: Boccia (Pd), avviare dialogo con tutti a partire da M5S

Roma, 14, apr. (AdnKronos) – “Salvini di lotta e di governo tenta di spacciarsi per quello che non è: un incolpevole spettatore dell’impasse in cui è finito il Paese dal 5 marzo scorso, di cui è indiscusso protagonista”. Lo afferma Francesco Boccia, capogruppo Pd in commissione speciale della Camera.

“Come era prevedibile, dal giorno successivo alle elezioni, la coalizione di centrodestra formata da tre partiti minori rispetto al consenso raccolto singolarmente dal M5S e dal Pd, è in difficoltà. Il centrodestra, pur essendo la prima coalizione, dimostra giorno dopo giorno -aggiunge- idee e proposte completamente alternative al proprio interno aumentando il caos nel Paese. Dalle posizioni sulla politica internazionale, a partire dal ruolo della Nato e alla relazione con la Russia nella vicenda siriana, fino alle posizioni su Euro e Ue”.

“Salvini che ha recitato due parti in commedia sino ad oggi, fa il capopopolo che finge di indignarsi per le perdite di tempo di cui però è il protagonista principale a causa della sua ambiguità nel rapporto tra M5S e Forza Italia. Con l’inizio delle prossime consultazioni, presumibilmente tenute dalla personalità che sarà individuata dal Presidente Mattarella, diventerà fondamentale il ruolo del Pd. E sarà assolutamente necessario -conclude Boccia- avviare un dialogo istituzionale con tutte le forze politiche per capirne le reali intenzioni, a partire dal M5S sui temi sociali a noi più cari”.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.