Governo: 5 anni fa pre-incarico a Bersani, il primo fu a De Gasperi/Adnkronos (2)

(AdnKronos) – La stessa cosa accadde addirittura ad Alcide De Gasperi, all’indomani delle elezioni del 1953, quando il mancato scatto del premio di maggioranza previsto dalla cosiddetta ‘legge truffa’, determinò la crisi della formula centrista che aveva caratterizzato la legislatura precedente.

Così il Presidente della Repubblica, Luigi Einaudi, il 3 luglio affidò proprio al presidente del Consiglio uscente l’incarico di sondare gli orientamenti dei partiti e di riferire al Quirinale entro 4 giorni. A qual punto il Capo dello Stato conferì a De Gasperi un incarico pieno, ma il governo non ottenne la fiducia in Parlamento e dopo 2.803 giorni lo statista trentino lasciò palazzo Chigi.

Einaudi continuò con la formula del pre-incarico, chiamando il 2 agosto Attilio Piccioni, altro esponente Dc. Nonostante dopo una settimana sembrava che fosse pronto a compiere il passo ulteriore per arrivare alla formazione del governo, l’11 agosto fu costretto a rinunciare e nacque così l’esecutivo guidato da Giuseppe Pella.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.