Export: Confindustria Padova, Veneto esporta 1,2 mld nei Paesi Asean

Padova, 17 apr. (AdnKronos) – L’export di Padova e del Veneto verso i Paesi Asean è positivo. Il totale degli scambi commerciali si attesta a 1 miliardo 166 milioni di euro (Padova 124,5 milioni). Nel 2017 si è registrato un aumento delle esportazioni (+8,8%) verso i Paesi dell’Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico e un’accelerazione verso il Vietnam (Veneto +23%, Padova +10,1%), il principale partner commerciale nell’area Asean che sta suscitando un sempre maggiore interesse da parte delle imprese grazie alla promettente evoluzione economica e politica in corso.

Con 96 milioni di abitanti, una crescita del 6,4% nel 2017 e un trend in espansione per domanda, consumi e servizi, il Vietnam rappresenta uno tra i più dinamici Paesi dell’area Asean e una frontiera di opportunità per le Pmi italiane e venete. In ambito Ue, l’Italia è il quinto partner commerciale per interscambio complessivo (oltre 3,7 miliardi) e il quarto esportatore.

L’Ambasciatore della Repubblica Socialista del Vietnam in Italia, Cao Chinh Thien, sarà ospite mercoledì 18 aprile di Confindustria Padova nell’ambito delle attività di SistemAperto (Confindustria Padova e Unindustria Treviso) per approfondire i rapporti economici tra l’Italia e il Vietnam, i vantaggi e le opportunità commerciali e di investimento, in particolare per le imprese venete, in un mercato con grande potenziale di crescita in diversi settori, come infrastrutture e trasporti, energie rinnovabili e green technologies, meccanica, farmaceutica.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.