Export: Confindustria Padova, Veneto esporta 1,2 mld nei Paesi Asean (3)

(AdnKronos) – (Adnkronos) – Tra i punti di forza del Vietnam il sistema industriale fondato sulle Pmi, la politica attrattiva in tema d’investimenti esteri, gli ambiziosi obiettivi in più settori industriali, l’espansione di una classe media sensibile al richiamo dei prodotti ‘made in Italy’, la disponibilità di manodopera giovane e qualificata, così come la rete di accordi di libero scambio con gli altri Paesi Asean e con tutti i principali mercati della regione (India, Cina, Giappone, Sud Corea, Australia e Nuova Zelanda). Nel mirino delle imprese italiane in Vietnam la vendita di macchinari e tecnologie per la trasformazione agroalimentare e la lavorazione della pelle, ma anche il settore medicale interessato da un piano mirato a raggiungere entro il 2035 la copertura sanitaria universale.

Il Vietnam è una delle rotte più promettenti per il made in Italy nell’area Asean che riunisce dieci Paesi del Sud-Est asiatico (Filippine, Indonesia, Malesia, Singapore, Thailandia, Brunei, Vietnam, Birmania, Laos, Cambogia) con più di mezzo miliardo di abitanti, una crescita del 5% all’anno e un piano di infrastrutture da mille miliardi nei prossimi tre anni.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.