Etihad: in 2017 riduce perdite a 1,95 mld dollari

Roma, 14 giu. (AdnKronos) – Etihad Airways riduce le perdite e migliora la sua performance operativa core del 22% nel 2017, nonostante le sfide rappresentate dall’aumento del prezzo del carburante, l’entrata in amministrazione straordinaria dei suoi equity partner Alitalia e airberlin e l’investimento iniziale in un ampio programma di business transformation. Ad annunciarlo è la compagnia in una nota. La compagnia aerea ha registrato un incremento dell’1,9% nei ricavi derivanti dalle attività core, pari a 6,1 miliardi di dollari (rispetto ai $5,9 miliardi del 2016). Allo stesso tempo ha ridotto le perdite nelle attività core di 432 milioni, per un totale di 1,52 miliardi (nel 2016 la perdita ammontava a 1,95 miliardi). I risultati del 2017 riguardano le operazioni core della compagnia aerea ed escludono qualsiasi voce straordinaria o non ricorrente.

I ricavi derivanti da passeggeri e merci sono migliorati in seguito alla gestione della capacity e ad alcune modifiche al network, con una maggiore attenzione al traffico point-to-point, facendo leva sulla tecnologia e sulle migliori condizioni di mercato. Un forte focus sull’efficienza ha generato una riduzione del 7,3% dei costi unitari, nonostante l’impatto negativo di 337 milioni derivante dall’aumento del prezzo del carburante. La compagnia aerea ha ridotto le spese amministrative e generali del 14%, per un totale di 162 milioni, rispetto al 2016.

Etihad Airways ha trasportato 18,6 milioni di passeggeri con un load factor pari al 78,5%. L’available seat kilometers (ASKs) è aumentato dell’1% nel 2017, riflettendo un notevole contenimento della crescita della capacity e contribuendo a migliorare la qualità dei ricavi della compagnia aerea. Etihad Cargo ha ridotto la propria capacità del 6%. Tuttavia, i ricavi sono diminuiti solo marginalmente (-0,8%), trainati da load factor e ricavi più sostenuti. Nel 2017, Etihad Cargo ha trasportato 552.000 tonnellate di merci.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.