Eni: Descalzi, accordo in Emirati passo per espansione in regioni leader

Roma, 12 gen. (AdnKronos) – “Questo accordo rappresenta un nuovo importante passo verso l’espansione di Eni in una delle regioni leader a livello mondiale nel settore degli idrocarburi, non solo attraverso la partecipazione in giacimenti già in produzione ma anche esplorando nuovi blocchi”. A dichiararlo è l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, commentando la firma degli accordi con i quali il gruppo acquisisce una partecipazione di maggioranza in due concessioni esplorative nell’offshore di Abu Dhabi. “In particolare, il Blocco 1 e il Blocco 2 -sottolinea Descalzi- sono estremamente importanti grazie alle sinergie che avranno con la concessione offshore di Ghasha. Tutto ciò rafforzerà ulteriormente l’alleanza tra Eni e Adnoc e Eni contribuirà con le sue competenze nell’esplorazione e tecnologia all’avanguardia a liberare ulteriori risorse nell’offshore di Abu Dhabi”.

Di accordi storici parla Sultan Ahmed Al Jaber, Ministro di Stato degli Emirati Arabi Uniti e amministratore delegato di Adnoc. “Gli accordi di oggi sono storici -dichiara- in quanto assegnano i primi blocchi a seguito di un processo di gara competitivo e rappresentano un importante progresso nel modo in cui Abu Dhabi e Adnoc massimizzano il valore delle importanti risorse di idrocarburi dell’Emirato, in linea con le direttive della leadership”.

“Questi accordi -prosegue Al Jaber- sono in linea con la strategia di crescita al 2030 adottata da Adnoc e del nostro approccio mirato a stringere alleanze con partner in grado di fornire la giusta combinazione di capitale, tecnologia e know-how per accelerare lo sviluppo delle risorse di idrocarburi di Abu Dhabi. Adnoc ambisce a dare un ritorno sostenibile e a lungo termine agli Emirati Arabi e continua a rispondere in modo affidabile alle crescenti esigenze di energia del mondo. L’assegnazione di questi due blocchi si aggiunge alla crescente cooperazione tra Adnoc e Eni su diversi fronti, amplia il portafoglio di alleanze strategiche di Adnoc, al quale si aggiunge per la prima volta PTTEP, e rafforza la fiducia che la comunità internazionale ripone verso gli Emirati Arabi come paese stabile e sicuro per gli investimenti”.

Consigliati