Energia: accordo Repubblica Palau e Engie (2)

(AdnKronos) – Armonia consiste di un sistema solare dispacciabile da 35 MW di energia rinnovabile e 45 MWh di accumulo, combinato con l’attuale produzione a diesel per trasformare la rete di Palau in un sistema smart, integrato con oltre 100 MW di potenza installata, che rappresenterà la più grande microrete al mondo e lo stato dell’arte della tecnologia. Si stima che l’energia rinnovabile prodotta da fonte solare coprirà oltre il 45% della domanda energetica complessiva di Palau.

Con la firma di questo accordo la Repubblica di Palau si garantirà 30 anni di energia pulita ad un prezzo competitivo e fissato che consentirà la sostituzione di gran parte dell’attuale generazione a diesel. Il progetto ridurrà drasticamente le emissioni di CO2 della nazione e comporterà risparmi sostanziali nella bolletta energetica complessiva, offrendo a Palau accesso ad energia rinnovabile, affidabile ed economica.

“Questa microrete da 100 MW non è solo uno dei più grandi progetti solari al mondo, ma una vetrina per l’intero settore energetico globale”, sottolinea Carlalberto Guglielminotti, ad e direttore generale di Engie Eps. “L’accesso universale, economico ed affidabile all’energia pulita sarà realtà a Palau in pochi mesi ed abbiamo l’ambizione e l’impegno di replicare questo modello in tutto il mondo grazie alla portata globale di Engie” aggiunge Paul Maguire, presidente e ad di Engie Asia Pacifico.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.