Costi politica: M5S, in Ue aumentati rimborsi, persa occasione storica

Roma, 17 apr. (AdnKronos) – “Il Parlamento europeo ha perso oggi l’occasione storica di tagliare i costi della politica. Con la scusa di rivedere l’attuale normativa sul finanziamento di partiti e fondazioni per prevenire eventuali abusi, è stato approvato l’innalzamento dei fondi rimborsabili dall’85% al 90% per il budget annuale dei partiti politici europei e addirittura al 95% per le fondazioni politiche”. A denunciarlo è l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Fabio Massimo Castaldo, vicepresidente del Parlamento Ue.

“Mentre in Italia il presidente della Camera Roberto Fico propone tagli a costi e sprechi della politica – rimarca il grillino – in Europa si approva l’ennesimo inaccettabile schiaffo dei partiti ai cittadini europei vessati dall’austerità. Il Movimento 5 Stelle ha presentato degli emendamenti al testo del trilogo chiedendo la cancellazione dell’aumento dei fondi e il superamento del sistema di finanziamento pubblico ai partiti a favore di un nuovo sistema basato su micro donazioni effettuate in piena trasparenza. Purtroppo però la linea della trasparenza e della sobrietà, in questo caso, ha perso”, conclude Castaldo.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.