“Con Tutor nessun aumento tariffe”

Roma, 16 apr. – (AdnKronos) – Autostrade per l’Italia precisa che “la forte riduzione dell’incidentalità sulla propria rete, che ha consentito di raggiungere livelli di sicurezza all’avanguardia in Europa e cui ha contribuito l’introduzione del Tutor nel 2006, non ha mai determinato alcun incremento delle proprie tariffe”. In una nota la società prosegue affermando che “la Convenzione Unica in vigore dal 2007, infatti, prevede che gli incrementi tariffari siano determinati unicamente dal recupero di una percentuale dell’inflazione e dalla remunerazione degli investimenti aggiuntivi effettuati sullo sviluppo delle infrastrutture”.

“Il dato sull’incidentalità era invece preso in considerazione dalla precedente Convenzione, che risaliva al 1997 e quindi agli anni precedenti alla privatizzazione della società. In particolare gli ultimi dati sull’incidentalità che hanno contribuito a determinare il calcolo dell’incremento tariffario per il 2006 sono stati quelli relativi al 30 giugno 2005, epoca quindi ampiamente precedente all’introduzione del Tutor sulla rete che è avvenuta nel 2006” conclude Autostrade per l’Italia.

Autostrade per l’Italia, pertanto, invita gli organi di informazione ad evitare qualsiasi tipo di strumentalizzazione sul tema.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.