Caporalato: Fai Cisl, ancora nuovi arresti, politica si confronti con noi (2)

(AdnKronos) – L’operato delle forze dell’ordine, sottolinea, “va apprezzato e omaggiato, ma è evidente il bisogno di attivare quegli strumenti che da sempre chiediamo per porre fine allo sfruttamento dei lavoratori agricoli, a cominciare dagli interventi su collocamento, trasporti, alloggi, Rete del lavoro agricolo di qualità”.

Anche con la nostra campagna Sos Caporalato, conclude Rota, “e con lo stato di agitazione della categoria, proclamato dopo la rottura della trattativa per il rinnovo del contratto nazionale degli operai agricoli e florovivaisti, vogliamo ribadire che alla nostra produzione agroalimentare, eccellenza del Made in Italy nel mondo, non servono forme di deregolamentazione o giochi al ribasso, ma pochi semplici interventi in grado di innalzare la qualità del lavoro e la dignità di tutti: aumento salariale, nuovi strumenti di welfare, bilateralità, rafforzamento dei diritti individuali e sindacali, regole più rigorose su esternalizzazioni e appalti. Perché è per questi strumenti che passa l’indipendenza della persona, la sua possibilità di realizzazione e di emancipazione da forme di schiavitù indegne di un Paese civile”.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.