Bper, rinnovato Cda

Modena, 14 apr. – (AdnKronos) – L’assemblea ordinaria di Bper in corso a Modena ha eletto con poche sorprese i 15 nuovi componenti del Cda in larga parte candidati nella lista presentata dal Cda uscente che ha ottenuto il 73,4% dei consensi. Sono stati eletti Alessandro Vandelli l’Ad del Gruppo, Riccardo Barbieri , Massimo Belcredi, Mara Bernardini, Luciano Filippo Camagni, Giuseppe Capponcelli, Pietro Ferrari, Elisabetta Gualandri, Ornella Rita Lucia Moro, Mario Noera, Rossella Schiavini Valeria Venturelli, mentre Roberta Marracino, Alessandro Robin Foti e Marisa Pappalardo facevano parte della lista alternativa presentata dallo studio legale Trevisan e Associati che ha ottenuto il 26,5%.

“Sono molto soddisfatto sia del risultato, ha detto Vandelli , che mostra fiducia nell’attuale management, sia della partecipazione. Era presente in sala il 45% del capitale con un aumento di 4 punti rispetto al passato. Ora ci aspetta la presentazione del piano industriale. Ci stiamo già lavorando e mi auguro di approvarlo entro l’estate e quindi presentarlo al mercato a Settembre. Gli obiettivi sono quelli di portare avanti progetti di semplificazione e efficienza dei costi del gruppo: abbiamo le risorse per essere tra le banche migliori in circolazione. Nel 2018 dovremo vedere se ci sono delle opportunità , guardarci attorno, ma non nel brevissimo periodo”

Con un utile netto nel 2017 di 176,9 contro i 15,8 dell’anno precedente e un dividendo cash di 11 centesimi per azione si è chiuso un 2017 positivo per il Gruppo. “Il prodotto bancario lordo è cresciuto del 6,3% arrivando a 138 miliardi di euro – ha continuato l’Ad di Bper – ma l’obiettivo per il futuro sono i 150 miliardi soglia ambiziosa ma possibile”.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.