Appalti: Oice, in frenata mercato sola progettazione a marzo (3)

(AdnKronos) – Le gare italiane pubblicate sulla gazzetta comunitaria sono passate dalle 62 unità del mese di febbraio del 2017, alle 66 del mese appena trascorso, con un incremento del 6,5%. Nell’insieme dei paesi dell’Unione Europea il numero dei bandi presenta, nello stesso mese, una crescita del 22,7%. L’incidenza del nostro Paese nei tre mesi del 2018 continua ad attestarsi su un modesto 2,6%, un dato di gran lunga inferiore rispetto a quello di paesi di paragonabile rilevanza economica: Francia 24,8%, Germania 24,0%, Polonia 12,0%, Svezia 4,8%.

Nel primo trimestre 2018 l’andamento delle gare miste, cioè di progettazione e costruzione insieme (appalti integrati, project financing, concessioni di realizzazione e gestione) ha raggiunto i 2.571 milioni di euro, con 132 bandi. Gli appalti integrati da soli sono 36 per 1.498 milioni di euro, nel primo trimestre 2017 erano stati 17 in numero per un valore di 221 milioni di euro, il valore dei servizi di ingegneria compreso nei bandi del 2018 è pari a 31,5 milioni di euro.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.