Alitalia: sindacati, no spezzatino, proroga eviti cessioni speculative(3)

(AdnKronos) – Positivo, ha detto il segretario nazionale della Fit-Cisl Emiliano Fiorentino, è il giudizio del sindacato sul decreto che proroga i termini della vendita di Alitalia. “Soprattutto perché, se alla data dello stesso non vi erano le condizioni per una vendita e tantomeno proposte ritenute accettabili, era impensabile procedere con soluzioni diverse che non garantivano un futuro all’azienda e ai suoi dipendenti”, ha spiegato.

“È emersa in Commissione – ha proseguito Fiorentino – la richiesta di un giudizio sull’operato dei commissari, a cui abbiamo risposto con una valutazione positiva, considerati i risultati ottenuti in un momento di estrema difficoltà e la credibilità che l’azienda sta riconquistando verso il mondo esterno. Ora è importante mantenere questa stabilità sia all’interno che all’esterno dell’azienda: solo così sarà possibile usare al meglio i sei mesi concessi dal ddl in oggetto e far sì che al loro scadere la compagnia aerea si presenti nelle migliori condizioni ai possibili futuri acquirenti o ad altre soluzioni che ne garantiscano la continuità e lo sviluppo”.

Anche per il coordinatore nazionale del trasporto aereo Fabrizio Cuscito “è positiva la proroga dei tempi di vendita di Alitalia”. “Ora bisogna valutare attentamente tutte le opportunità che offre il mercato del trasporto aereo italiano, uno dei più importanti al mondo con dati di traffico in costante aumento. Serve un piano industriale – ha evidenziato – che preveda il potenziamento dell’azienda attraverso investimenti in termini di flotta e quindi collegamenti internazionali ed intercontinentali. Da parte nostra siamo pronti a lavorare con chiunque anteponga le prospettive industriali al taglio indiscriminato del lavoro come avvenuto negli ultimi 10 anni nelle diverse ristrutturazioni”. E, ha concluso, “da parte sua il Governo – ha concluso – deve svolgere un ruolo attivo e duraturo, non limitandosi a seguire solo la fase di vendita nella costruzione della futura Alitalia”.

Consigliati