Alitalia: Parisi, Di Maio scarica perdite su nostre tasche

Milano, 12 ott. (AdnKronos) – “Il governo pensa a fondere Alitalia con Ferrovie dello Stato. Vuole scaricare le perdite e l’inefficienza dell’Alitalia su Trenitalia. Esattamente come ha fatto Renzi. Ha fuso Anas con Ferrovie dello Stato fregandosene del disastro delle nostre ferrovie, dei ritardi, della qualità del trasporto per i pendolari”. Lo dichiara Stefano Parisi, segretario nazionale di Energie Per l’Italia.

“Forse Di Maio prende solo il Frecciarossa tra Napoli e Roma. Provi a prendere un treno per pendolari! Di Maio lo sa che c’è concorrenza tra il trasporto aereo e il trasporto ferroviario? Spero che ci sia un’Antitrust in Italia che blocchi questa vergogna e difenda i consumatori, altrimenti ci penserà Bruxelles”, aggiunge.

“Di Maio fa come Renzi che con la fusione tra Ferrovie e Anas ha vergognosamente spianato la strada a queste scelte stataliste di politica economica. Ora il Governo vuole scaricare le perdite e le gigantesche inefficienze di Alitalia sulle nostre tasche, mascherando il rifinanziamento del vettore aereo fatto in deficit dallo Stato. Ma Di Maio e il suo collega nel governo del popolo Toninelli stanno dalla parte dei cittadini o dalla parte dei grandi interessi di banche e imprese?”, conclude Parisi.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.