Alitalia: Governo al lavoro per soluzione entro ottobre, Stato nel capitale/Adnkronos (3)

(AdnKronos) – Sul fronte ‘caldo’ dell’occupazione da Di Maio arrivano altre rassicurazioni. Per Alitalia, infatti, ha prospettato il ‘modello Ilva’, caro ai sindacati. “Se si farà una bad company, questa non riguarderà i lavoratori. questo voglio dirlo chiaramente. L’obiettivo – dice – è salvaguardare i livelli occupazionali. Lavoriamo a un piano di rilancio che vuole ambire a nuove assunzioni di personale tecnico qualificato”. Insomma, sintetizza Di Maio, “abbiamo un piano ambizioso non solo per salvare ma per rilanciare la compagnia, non ragioniamo su una linea di galleggiamento. Se vogliamo trattare Alitalia come un pacco di cui disfarci, allora facciamo tornare i governi di prima. Ma, siccome i cittadini il 4 marzo ci hanno chiesto di avere idee ambiziose e rivoluzionarie, per noi Alitalia deve essere l’occasione, senza doverci mettere altri soldi pubblici, per dimostrare la volontà di un Paese di saper sfruttare le opportunità che ha”.

E il premier Conte, che definisce “ottimo” il lavoro svolto da Di Maio, assicura: “C’è massimo impegno da parte del governo per rilanciare Alitalia e il suo ruolo strategico per l’offerta del turismo in Italia” e “creare una partnership tra Fs e uno o più aziende partecipate dello Stato va in questa direzione”. “Oggi la competitività dell’impresa turistica è affidata alla possibilità di raggiungere le mete a costi accessibili e orari intelligenti – aggiunge – L’ingresso di Ferrovie, in questo senso, permetterebbe ad esempio di lavorare al biglietto unico treno-aereo: un turista, quando arriva in Italia, potrebbe spostarsi in tutto il Paese”.

Di ” compagnia di bandiera al servizio del Paese, serve un’Alitalia sempre più competitiva ed efficiente”, parla il vicepremier Salvini. “Nessuna svendita a compagnie straniere, nessuno spreco come in passato, nessuno spezzatino ma una serio piano di rilancio come quello preparato dal governo. Avanti così”, dice. “Il rilancio di Alitalia ha bisogno di un approccio di sistema”, afferma poi il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli. “Fs può dare un contributo decisivo a quella integrazione modale che serve per raggiungere in modo sostenibile e valorizzare le bellezze del nostro Paese”.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.