Alitalia: Air France-Klm unica tra big europei con Stato in capitale (2)

(AdnKronos) – Dalle grandi alle compagnie di medie dimensioni, lo scenario cambia e la presenza pubblica è decisamente più forte. Particolare è il caso di Tap Portugal, che, nel giro di pochi anni è stata semi-privatizzata per poi tornare pubblica. Nel 2015, Atlantic Gateway, un consorzio formato dall’imprenditore brasilo-americano David Neeleman (fondatore di JetBlue) e da Humberto Pedrosa, proprietario di una nota compagnia di autobus portoghese, aveva acquistato il 64% delle quote di Tap e allo Stato rimaneva il 34% delle azioni e la quota restante ai dipendenti. Le cose cambiano, però, con l’arrivo del Governo socialista: lo Stato ritorna al 50% e Atlantic Gateway scende al 45% mentre sale al 5% la quota riservata ai dipendenti.

Nella compagnia scandinava Sas, il governo svedese detiene una quota del 14,8% e il governo danese del 14,2%. La compagine azionaria schiera poi fondi quali, tra gli altri, Knut and Alice Wallenberg’s foundation, State Street Bank Trust e Norges Bank.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.