24 OreQuesta sera doppio appuntamento in Biblioteca con i Giovedì Letterari

Doppio appuntamento oggi, giovedì 17 maggio, alla Biblioteca Negroni per i Giovedì letterari. Alle 16 si terrà il libroforum a cura di Maria Adele Garavaglia, dedicato a L’oscura evoluzione del male di Giovanni Obezzi e intitolato “Reagire oltre la vita e la legge”; alle 18 seguirà l’appuntamento con il ciclo di incontri dedicato alla Spagna e all’America Latina a cura di Antonio Picano, dal titolo “Il Messico di carta, terra di rivoluzioni”. A essere preso in esame, questa volta, sarà il libro di Jorge Ibargüengoitia, Messico, istruzioni per l’uso.

In L’oscura evoluzione del male, uno stimato commercialista assume l’incarico di consulente presso un’importante azienda manifatturiera che si trova in gravi difficoltà finanziarie, situata lungo una strategica arteria stradale della Lombardia. Pochi giorni dopo aver accettato l’incarico, un primario gruppo commerciale chiede di acquistare tutto il complesso immobiliare ritenendo la sua posizione ideale per realizzare un grande Centro Commerciale. I proprietari decidono di accettare la generosa offerta senza tener conto delle accese proteste dei dipendenti, restii al trasferimento in un altro luogo individuato dalla ditta. All’improvviso la già pesante atmosfera aziendale viene avvelenata ulteriormente dalle gesta di un ignoto killer, che uccide due persone legate da interessi diversi alla società. Gli investigatori seguono piste differenti: quella dell’islamismo radicale, perché molti dipendenti sono musulmani, e quella finanziaria, legata alle segrete attività estere del presidente.
Il professionista è invece convinto che il movente dei delitti sia da ricercare altrove e, aiutato dai suggerimenti di un vecchio sacerdote, scoprirà una sconvolgente verità.

Di tutt’altro tenore è invece Messico, istruzioni per l’uso di Ibargüengoitia. Il suo nome è tanto impronunciabile quanto è imprescindibile la sua figura nel panorama della letteratura messicana contemporanea; autore di inchieste, gialli, romanzi, racconti, testi teatrali, è un dissacratore che ha fatto dell’ironia e del sarcasmo le sue armi più efficaci per castigare i costumi del proprio paese. Il popolo, la cultura, la vita quotidiana, la politica del Messico, e i suoi tic, le sue delizie e assurdità, sono distillati in ciascuno dei divertentissimi capitoli di questo libro, che compone una sorta di guida involontaria, per turisti avventurosi o da divano.

Un manuale che è al tempo stesso di aiuto per messicani e di sopravvivenza per i visitatori e i turisti, grazie al quale cercare una via di uscita dal labirinto della burocrazia e dell’inefficienza dei servizi pubblici, o comprendere le misteriose forme attraverso cui si manifesta la ineludibile «ospitalità a tutti i costi» dei messicani. Un piccolo gioiello a metà fra saggio antropologico e guida di viaggio, fra album di bozzetti folcloristici e giornalismo culturale. Per chi ama il Messico e per chi vuole imparare a conoscerlo.

Consigliati