24 Ore“L’Artigiano in Fiera”, partecipazione agevolata per le imprese artigiane e agricole

C’è tempo fino al 15 ottobre per iscriversi alla collettiva regionale che parteciperà all’edizione 2018 de “L’Artigiano in Fiera”  in programma dall’1 al 9 dicembre presso il polo di Fieramilano di Rho-Pero.

A coordinare la partecipazione delle imprese piemontesi saranno Regione Piemonte e Unioncamere Piemonte, con le Camere di Commercio, tra cui quella di Novara, e con la collaborazione delle associazioni artigiane di categoria.

L’adesione alla collettiva è riservata alle imprese artigiane e agricole attive e prevede dei benefici: le imprese novaresi, in particolare, potranno usufruire di un abbattimento dei costi di partecipazione grazie al contributo della Camera di Commercio.

È inoltre prevista un’ulteriore agevolazione resa disponibile da Regione Piemonte in favore sia delle imprese artigiane che hanno preso parte ad almeno un’edizione della fiera nel corso dell’ultimo triennio sia per quelle che, invece, espongono per la prima volta (o che comunque non hanno partecipato alle precedenti edizioni 2015, 2016 e 2017).

Le imprese novaresi interessate dovranno inviare domanda di partecipazione utilizzando l’apposito modulo entro lunedì 15 ottobre 2018, esclusivamente all’indirizzo PEC [email protected]

Tra i requisiti richiesti per accedere ai contributi è prevista la regolarità dei versamenti contributivi e previdenziali e del pagamento del diritto annuale.

Regolamento completo e modulistica sono disponibili sul sito della Camera di Commercio www.no.camcom.gov.it; ulteriori informazioni possono essere richieste ai seguenti contatti: telefono 0321.338.270 – [email protected]

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.