24 OreIndustriali novaresi ottimisti per l’inizio del 2018

Ancora con il segno più le previsioni per l’inizio del 2018 dell’industria novarese. Secondo le previsioni congiunturali elaborate dall’Associazione Industriali di Novara per il primo trimestre del 2018 il saldo tra la percentuale degli imprenditori che si dichiarano ottimisti e quella di coloro che sono pessimisti sull’incremento della produzione tra gennaio e marzo si attesta a 18,1 punti rispetto ai 28,9 del trimestre precedente e rimane, nonostante la frenata, in territorio positivo per il 12mo trimestre consecutivo, oltre che superiore alla media piemontese (10,8 punti). Il dato sulle attese di ordini totali cala da 25,2 a 15,7 punti (11,3 il dato regionale), mentre il saldo ottimisti/pessimisti sulle previsioni di esportazioni sale da 10,9 a 13,5 punti (9,3 in Piemonte), confermando una crescita costante dalla prima metà del 2016.

Anche le previsioni sul mercato del lavoro confermano un andamento positivo con un saldo ottimisti/pessimisti sulle aspettative di nuove assunzioni stabile a 16 punti (6,3 la media regionale), mentre le aziende che dichiarano l’intenzione di ricorrere alla Cassa integrazione guadagni calano ulteriormente, dal 3,1% all’1% (sono l’8,2% in Piemonte).

«Il 2017 – commenta il presidente dell’Ain, Fabio Ravanelli (nella foto) – è stato un anno di ripetuti record, durante il quale molti indicatori congiunturali hanno raggiunto i valori più alti degli ultimi dieci anni. Nonostante il consolidamento previsto a inizio 2018 il sistema industriale novarese si conferma solido e dinamico e solo “incidenti di percorso” che materializzino uno dei tanti rischi geopolitici che affollano il panorama internazionale potrebbero compromettere una ripresa che, grazie al miglioramento dei fondamentali, può proseguire nel medio termine».

Consigliati