24 OreIl Consiglio Regionale del Piemonte approva il piano dei rifiuti speciali

Il Consiglio regionale del Piemonte ha approvato il Piano di gestione dei rifiuti speciali, strumento programmatico per dare impulso al conseguimento degli obiettivi di tutela ambientale fissati
per il 2020. Il provvedimento completa il percorso avviato in materia di rifiuti, che nel 2016 aveva visto l’approvazione dei Piani sull’amianto e sui rifiuti urbani.  È orientato alla sostenibilità ambientale, al risparmio di risorse, e alla ottimizzazione tecnica. Con il Piano la Regione fa propri i principi europei di transizione verso un’economia circolare, puntando alla reimmissione nei cicli produttivi dei materiali trattati.

Alberto Valmaggia

Il 40% della produzione piemontese di rifiuti speciali è concentrata nell’area metropolitana di Torino dove, insieme ai rifiuti da costruzione e demolizione, i più quantitativamente rilevanti sono quelli derivanti dai rifiuti urbani e delle acque. Per i rifiuti da costruzione e demolizione si punta a raggiungere un tasso di recupero dell’85%, superiore a quello che l’Unione europea sta  approvando in sede di Commissione.

“Grazie all’enorme lavoro di questi anni – ha commentato l’assessore Alberto Valmaggia – oggi si hanno a disposizione tutti gli strumenti perché il Piemonte porti avanti una politica virtuosa in materia di rifiuti. Inoltre ci si pone al riparo dalle conseguenze derivanti dall’apertura della procedura europea di infrazione nei confronti dell’Italia a causa della mancata adozione dei piani di gestione dei rifiuti speciali da parte delle Regioni”

Consigliati